Venezia: dal Comitatone oltre mezzo miliardo per MOSE e Laguna

Emergenza Venezia: Photocredit: Catullo roberto - WikipediaSi è riunito ieri il Comitatone per la salvaguardia di Venezia che ha deciso lo stanziamento di oltre 500 milioni di euro. Ai 365 milioni destinati al MOSE, si aggiungono infatti i fondi che saranno impiegati per la messa in sicurezza dei Comuni e delle macroisole della Laguna.

Dissesto idrogeologico: ecco il Piano stralcio 2019 da oltre 300 milioni

Convocato dal Governo all’indomani dell’ondata di alta marea che nelle scorse settimane ha messo in ginocchio Venezia, il Comitatone interministeriale ha messo sul tavolo oltre mezzo miliardo di ulteriori risorse destinate alla Serenissima e alla tutela della Laguna. Intanto il Ministero dei beni culturali (MIBACT) conferma che la proposta del Ministro Franceschini di estendere l’Art Bonus anche alle chiese danneggiate dall’acqua alta e dal fango ha ricevuto un ampio sostegno parlamentare.

> Manovra 2020: cosa prevede il testo all'esame del Senato

Il Comitatone stanzia oltre mezzo miliardo di euro per Venezia

Tra emendamenti alla legge di bilancio e risorse già in pancia ai ministeri, i fondi trovati dal Governo per la messa in sicurezza della Laguna e il completamento del MOSE ammontano a 504 milioni di euro

Di questi, 60 milioni saranno impiegati nel 2020 per la realizzazione di interventi di natura idraulica nei Comuni della Laguna. I fondi saranno appostati direttamente in Legge di bilancio e si andranno a sommare agli oltre 40 milioni di euro già previsti dalla precedente Manovra.

325 milioni saranno impiegati, invece, per concludere il finanziamento dei lavori del MOSE. Ammonta a questa cifra, infatti, il fabbisogno ancora mancante per concludere i lavori dell’infrastruttura chiamata a tutelare Venezia dall’acqua alta e che, in base all’ultimo aggiornamento di prezzo, avrà un costo complessivo di 5 miliardi e 493 milioni di euro.

Queste per ora le cifre appurate. Non ci sta, invece, la Ministra Paola de Micheli a rincorrere e commentare altri numeri che in questi giorni si sono susseguiti nel dibattito nazionale. Almeno fino alla conclusione della due diligence sul MOSE decisa dal Governo e che dovrebbe vedere la luce nelle prossime settimane. 

Sul fronte, invece, del dissesto idrogeologico, le risorse - illustrate dal Ministro dell’ambiente (MATTM) Sergio Costa - ammontano a circa 120 milioni di euro di cui:

  • 72 milioni di euro saranno impiegati per il sito di interesse nazionale a Porto Marghera;
  • 47 milioni, invece, saranno utilizzati per la realizzazione dei marginamenti delle macroisole. Si tratta di risorse che derivano da una ricognizione dei fondi già in pancia al Ministero; di questi, 10 milioni sono già nelle casse della Regione Veneto e il Governatore Luca Zaia ha confermato che saranno impiegati per Venezia. I restanti 37 milioni saranno stanziati, invece, direttamente dal MATTM.

Messa in sicurezza: nuovi fondi contro il dissesto idrogeologico

Estendere l’Art bonus anche alle chiese

Sta ricevendo ampio sostegno parlamentare la proposta avanzata da Franceschini, all’indomani dei fatti di Venezia, di estendere l’Art Bonus anche al recupero del patrimonio culturale ecclesiastico.

Dal Ministero fanno infatti sapere che "l'emendamento al decreto legge Sisma approvato la scorsa settimana dalla commissione bilancio del Senato - e che estende i benefici dell’Art Bonus al patrimonio ecclesiastico colpito dalla marea eccezionale nella laguna di Venezia e dal maltempo a Matera - è ora all’esame dell’aula. Si tratta di un segnale di attenzione delle istituzioni ai beni storici, artistici e architettonici di due siti patrimonio mondiale dell’umanità".

“Sono tante le chiese che hanno avuto danni e sono state invase dall'acqua”, aveva infatti affermato nelle settimane passate Franceschini, e sulle quali il MIBACT auspica di poter intervenire grazie a quel particolare incentivo fiscale (l’Art bonus appunto) nato per favorire le donazioni da parte dei privati per il recupero del patrimonio culturale.

Ad oggi, infatti, la misura prevede un credito di imposta, pari al 65% dell’importo donato, a chi effettua erogazioni liberali a sostegno del solo patrimonio culturale pubblico italiano.

Con l’emendamento presentato in Parlamento invece, l'incentivo sarà esteso anche agli interventi volti al recupero delle numerose chiese di Venezia andate sott’acqua a metà novembre.

Art-bonus: Agenzia Entrate, chiarimenti su requisito appartenenza pubblica

Il sostegno dall’Europa

“L'Unione europea è pronta ad aiutare" il governo italiano nel rispondere all'emergenza attraverso l'attivazione del Meccanismo di protezione civile europeo. L’aiuto della Commissione europea era già stato assicurato nelle settimane passate, via via che le immagini di Venezia sommersa facevano il giro del mondo ed è stato riconfermato ieri dal Commissario europeo Christos Stylianides nel corso del dibattito al Parlamento europeo a Strasburgo sulla situazione a Venezia.

Oltre al Meccanismo di protezione civile, sul tavolo c’è, poi, anche il Fondo europeo di solidarietà, creato nel 2002 a seguito delle gravi inondazioni che colpirono l'Europa centrale durante quella estate e che, da allora, è stato utilizzato per 80 eventi catastrofici tra alluvioni, terremoti, incendi boschivi, tempeste e siccità.

Per ora dal Governo italiano non è ancora arrivata nessuna richiesta ufficiale per l'attivazione del Fondo, ma le regole del meccanismo europeo concedono allo Stato colpito da una catastrofe naturale, dodici settimane di tempo per fare richiesta di accesso al Fondo. Si tratta, infatti, di un lasso di tempo necessario per completare la stima dei danni totale provocati dal disastro naturale e del loro impatto sulla popolazione, sull'economia e sull'ambiente. 

Su questo punto, però, Stylianides ha precisato che "potrebbe essere attivato nel caso in cui i danni diretti dovessero eccedere la soglia dell'1,5% del pil della regione" e "nel caso del Veneto la soglia equivale a 2,3 miliardi di euro".

I risarcimenti a imprese e cittadini: ecco l’Ordinanza 616-2019 della Protezione civile

“Tornare velocemente alla normalità”. E’ questa la parola d’ordine dell’Ordinanza del Capo della Protezione civile pubblicata sulla Gazzetta del 21 novembre 2019, con cui vengono stabiliti gli step per il ripristino di infrastrutture e servizi, nonché i tempi e le modalità per erogare i primi risarcimenti a cittadini e imprese.

A disposizione ci saranno il Contributo di autonoma sistemazione, i rimborsi per i danni subiti e la sospensione delle rate dei mutui sugli immobili danneggiati.

L’Ordinanza 616-2019 firmata da Borrelli, infatti, oltre alla nomina del Sindaco di Venezia come Commissario delegato per fronteggiare l’emergenza, stabilisce anche le prossime fasi per gli interventi a favore della Serenissima.

Le risorse sono già state individuare e ammontano a 20 milioni di euro. I fondi, infatti, sono stati stabiliti con la Dichiarazione dello stato di emergenza da parte del Consiglio dei Ministri (CdM) la scorsa settimana.

Prende dunque forma quanto annunciato dal Premier Conte, all'indomani del disastro, sulla realizzazione di un Piano di indennizzi rivolto a cittadini e imprese, diviso in due momenti:

  • In un primo momento Roma, infatti, erogherà immediatamente i primi indirizzi sia ai privati (con risarcimenti fino a 5mila euro) sia alle attività produttive (sino a 20mila euro);
  • Nella seconda fase, invece, gli sforzi saranno concentrati su chi, tra cittadini e imprese, ha subito danni più consistenti e che andranno quantificati con più calma, per essere poi liquidati dopo la realizzazione di un'istruttoria tecnica.

Ordinanza 616-2019: 40 giorni per definire il Piano interventi e poi tempi certi per l’approvazione

E’ questo il tempo che il Sindaco di Venezia, neo Commissario delegato all’emergenza, avrà a disposizione per predisporre il Piano di interventi da sottoporre all’approvazione della Protezione Civile.

Con la possibilità di articolarlo anche in stralci, il Piano deciderà in merito a:

  • a) l'organizzazione e l'effettuazione degli interventi di soccorso e assistenza alla popolazione, oltre che gli interventi urgenti e necessari per la rimozione delle situazioni di pericolo;
  • b) il ripristino, anche con procedure di somma  urgenza, della funzionalità dei servizi pubblici e delle infrastrutture.

Nel caso gli interventi richiedano l’approvazione anche da parte della Conferenza di servizi, l'Ordinanza stabilisce tempi serrati per arrivare all’ok sui progetti. La convocazione, infatti, dovrà avvenire entro sette giorni dalla disponibilità dei progetti e concludersi in due settimane.

Se poi gli interventi riguardassero beni culturali oppure opere per le quali è richiesta la VIA, i procedimenti dovranno comunque concludersi entro 30 giorni.

Ordinanza 616-2019: fino a 900 euro per il Contributo di autonoma sistemazione 

Come negli altri eventi calamitosi che in questi anni hanno purtroppo flagellato l’Italia, anche per Venezia è stata predisposta l’erogazione del Contributo di autonoma sistemazione (CAS) alle famiglie che non possono fare ritorno alla propria abitazione.

L’entità del Contributo - che è alternativo rispetto alla fornitura diretta di alloggi da parte dell'Amministrazione - varia a seconda della numerosità del nucleo familiare. In particolare:

  • Per i nuclei monofamiliari, l’assegno mensile si attesta sui 400 euro;
  • Per le famiglie di due persone, l’importo è pari a 500 euro;
  • Per i nuclei familiari con tre componenti, l’assegno sale a 700 euro;
  • Per quelli di quattro persone arriva a 800 euro;
  • Mentre le famiglie con cinque o più componenti, avranno diritto ad un assegno mensile pari a 900 euro. 

Nel caso, poi, in famiglia siano presenti over 65, oppure persone con un’invalidità non inferiore al 67%, è concesso un contributo aggiuntivo mensile di 200 euro per ognuna di queste persone.  

Gli assegni saranno concessi dalla data indicata nel provvedimento di sgombero o evaquazione dell'immobile e fino al giorno del rientro in casa oppure fino a quando non si sia trovata un’altra sistemazione stabile. 

In ogni caso i CAS non potranno essere erogati oltre alla scadenza dello stato di emergenza.

Sisma 2016: nuovi criteri per il contributo di autonoma sistemazione

Ordinanza 616-2019: risarcimento danni per case e negozi 

Spetta sempre al Commissario delegato la prima stima delle risorse necessarie per risarcire cittadini e imprese che hanno subito danni. 

La quantificazione dei soldi necessari ai primi risarcimenti sarà realizzata tenendo conto dei seguenti massimali:

  • a) per attivare le prime misure economiche di immediato sostegno alle famiglie che hanno subito danni alla propria casa, il limite massimo previsto è di 5.000 euro;
  • b) per l'immediata ripresa delle attività sociali di culto, economiche e produttive il limite massimo di contributo assegnabile ad una singola attività è, invece, pari a 20mila euro.

Nel caso di polizze assicurative, i contributi pubblici saranno riconosciuti solo nella parte eventualmente non coperta da polizze stesse.

Ordinanza 616-2019: le banche devono sospendere i mutui sugli immobili danneggiati

L’ulteriore intervento a sostegno di imprese e privati che hanno subito danni dall’alluvione della scorsa settimana, consiste nella possibilità di richiedere alla propria banca la sospensione del pagamento delle rate del mutuo sugli edifici danneggiati.

La sospensione potrà essere richiesta - a fronte di autocertificazione del danno subito - fino al ripristino dell’agibilità/abitabilità dell'immobile e comunque fino alla durata dello stato di emergenza (ad oggi di 12 mesi).

Se però la banca, entro 30 giorni, non rende nota ai mutuatari l’esistenza di questa opportunità, le rate sono sospese automaticamente fino al 14 novembre 2020, senza oneri aggiuntivi per il mutuatario.

Le scelta se sospendere l’intera rata o solo la quota capitale spetta a chi ha subito il danno.

Manovra: ecobonus, bonus ristrutturazioni, mobili e facciate nel 2020

> Consulta l’Ordinanza 616-2019

65 milioni del MIT per la tutela della Laguna

Dopo la dichiarazione dello stato di emergenza per il Comune di Venezia - e il conseguente stanziamento di 20 milioni di euro con cui realizzare i primi interventi di soccorso - è arrivato anche allo sblocco di ulteriori risorse destinate alla Serenissima da parte del MIT.

Si tratta dei 65 milioni di euro contenuti nella Legge speciale su Venezia - rifinanziata dalla scorsa Legge di Bilancio - sbloccati il 19 novembre 2019 dalla Ministra Paola De Micheli e destinati alla salvaguardia e alla conservazione della laguna di Venezia. 

Grazie ai fondi saranno realizzati interventi di manutenzione, riqualificazione e conservazione della laguna più famosa del mondo e che, la scorsa settimana, ha mostrato tutta la sua fragilità davanti all’ondata eccezionale di maltempo che si è abbattuta sulla penisola italiana.

Dal MIT fanno sapere che il decreto per la ripartizione delle risorse tra i nove comuni lagunari è già stato adottato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri (CdM). I fondi, infatti, saranno suddivisi tra Chioggia, Mira, Jesolo, Cavallino-Treporti, Musile di Piave, Campagna Lupia, Codevigo e Quarto Altino, oltre a Venezia, cui andranno 46 milioni.

Una volta disponibili nelle casse comunali, le amministrazioni locali potranno varare lavori per:

  • la protezione delle sponde;
  • la riqualificazione delle banchine;
  • la realizzazione di opere di dragaggio;
  • la realizzazione di interventi per la viabilità;
  • il recupero di immobili.

Dissesto idrogeologico: 25 milioni per la sicurezza dei fiumi

Dichiarato lo stato di emergenza per Venezia: in arrivo i primi 20 milioni

Sulla Gazzetta Ufficiale (GURI) del 18 novembre 2019 è stata pubblicata la Delibera del Consiglio dei Ministri contenente la Dichiarazione dello stato di emergenza per il Comune di Venezia, interessato la scorsa settimana dalla violenta ondata di alta marea che ha messo in ginocchio la città, come non si vedeva dall'alluvione del 1966.

Nelle more della valutazione dei danni causati dagli eccezionali livelli di acqua alta, infatti, con la Delibera pubblicata sulla GURI, il Governo ha stanziato i primi 20 milioni di euro per intervenire nel territorio della Serenissima. 

Grazie alle risorse del Fondo per le emergenze nazionali, adesso si potrà far fronte all’organizzazione e all’effettuazione degli interventi di soccorso e assistenza alla popolazione, ripristinando la funzionalità dei servizi pubblici e delle infrastrutture di reti strategiche e le attività di gestione dei rifiuti e del materiale alluvionale. 

Le prossime fasi prevedono l’allocazione di ulteriori risorse per cittadini, imprese e monumenti.

> Consulta la Delibera del Consiglio dei Ministri sulla Dichiarazione dello stato di emergenza del 14 novembre 2019 - GURI n. 270 del 18 novembre 2019

Photocredit: Catullo roberto - Wikipedia

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.