GSE: nuovi termini per decreto FER 1, biometano nei trasporti, certificati bianchi

Decreto rinnovabiliPer far fronte all’emergenza Covid-19, il GSE aggiorna nuovamente i termini per una serie di procedimenti amministrativi. Diverse proroghe riguardano il decreto rinnovabili.

> Le conseguenze del coronavirus sul settore energia

Già nel corso della fase 1 il GSE aveva previsto proroghe per la presentazione della documentazione riferita ai Decreti FER 2012, 2016 e 2019, al Conto Termico e al Biometano.

Termini aggiornati anche in fase 2, in applicazione di quanto previsto dal decreto Cura Italia, dal dl Liquidità e dalla delibera Consiglio dei Ministri del 31 gennaio 2020. 

Le proroghe per il decreto rinnovabili

Concentrandoci sull’ultimo decreto rinnovabili, del 4 luglio 2019, la tabella fornita dal GSE indica uno slittamento dei termini per: 

  • Rispetto del termine ultimo per entrare in esercizio e poter accedere alle tariffe del DM 2016 per tutti gli impianti che rientrano nelle previsioni dell'art.7.1 (a prescindere dal Bando assegnatario): dal 9 agosto 2020 al 9 febbraio 2021;
  • Rispetto del termine ultimo per entrare in esercizio per gli impianti iscritti in posizione utile nelle graduatorie formate ai sensi del primo bando - applicazione della decurtazione percentuale della tariffa per il superamento di tale termine, termine di decadenza del diritto agli incentivi: il termine specifico per singolo impianto è prorogato di complessivi 6 mesi in considerazione dell'evento calamitoso;
  • Rispetto del termine ultimo per comunicare al GSE la rinuncia alla realizzazione dell'intervento della data di pubblicazione della graduatoria: il termine previsto inizialmente era entro 6 mesi (o tra il 6° e il 12° mese), ora si proroga di 82 giorni;
  • Presentazione delle fideiussioni definitive per ammessi al primo bando: entro il 18 luglio 2020;
  • Termine per l'applicazione della decurtazione dell'1% della tariffa di cui all'art.7.3.a: nella formulazione iniziale era di 15 mesi dalla data di comunicazione di esito positivo delle procedure di asta e registro, ora il termine è prorogato di complessivi 6 mesi.

Bando biogas, adempimenti Biometano

Viene inoltre ulteriormente prorogata la data di pubblicazione del bando per l'accesso agli incentivi per gli impianti di biogas (fino a 300 kW), che slitta al 30 settembre.

In base alla delibera Consiglio dei Ministri del 31 gennaio 2020, gli adempimenti per la promozione dell’uso del biometano e degli altri biocarburanti avanzati nel settore dei trasporti, di cui al decreto del 2 marzo 2018, sono così prorogati:

  • Inizio lavori in caso di ottenimento della qualifica a progetto impianti Biometano e altri Biocarburanti: rispetto al termine inizialmente previsto (entro 18 mesi dall'ottenimento della qualifica a progetto) la proroga è di complessivi 6 mesi;
  • Entrata in esercizio impianti Biometano e altri Biocarburanti: il termine iniziale, entro 3 anni dalla qualifica a progetto, è prorogato di 6 mesi;
  • Entrata in esercizio in assetto riconvertito di impianti a Biogas esistenti incentivati, entrati in esercizio dopo il 31 dicembre 2007: il termine inizialmente previsto (entro 36 mesi dal termine del periodo residuo di diritto all'incentivo spettante alla produzione di energia elettrica) è prorogato di complessivi 6 mesi ed è quindi così modificato: "Entro 30 mesi dal termine del periodo residuo di diritto all'incentivo spettante alla produzione di energia elettrica";
  • Entrata in esercizio in assetto riconvertito di impianti a Biogas esistenti incentivati, entrati in esercizio entro il 31 dicembre 2007 e che al 31 gennaio 2020 abbiano ancora un periodo residuo d'incentivazione uguale o maggiore di 2 anni: il termine iniziale (entro 24 mesi dal termine del periodo residuo di diritto all'incentivo spettante alla produzione di energia elettrica) è prorogato di 6 mesi e diventa: "Entro 18 mesi dal termine del periodo residuo di diritto all'incentivo spettante alla produzione di energia elettrica".

Certificati bianchi, Conto termico

I termini per la presentazione delle richieste per la Cogenerazione ad alto rendimento (CAR), per i Certificati Bianchi per la CAR e per la Fuel mix disclosure slittano ulteriormente al 21 giugno 2020, in seguito alle modifiche introdotte al DL Cura Italia a opera della legge di conversione 24 aprile 2020, n. 27 e dal DL Liquidità.

Per quanto concerne i Certificati Bianchi, in base a quanto previsto dal decreto Cura Italia, i termini di cui al D.M. 11/01/2017 sono così rivisti: 

  • Presentazione di PC/PS: se il termine dell'adempimento è previsto nel periodo “23 febbraio - 15 maggio 2020” il nuovo termine è il 7 luglio 2020;
  • Presentazione di RC/RS: se il termine dell'adempimento è previsto nel periodo “23 febbraio - 15 maggio 2020” i 120 giorni decorrono dal 16 maggio;
  • Obiettivi quantitativi nazionali di risparmio energetico che devono essere perseguiti dalle imprese di distribuzione dell'energia elettrica e il gas: proroga al 30 novembre 2020;

Per quanto riguarda il Conto termico, la presentazione dell’istanza di accesso agli incentivi di cui al DM del 16 febbraio 2016, fissata originariamente entro 60 giorni dalla data fine lavori è così prorogata: 

  • Se la data di fine lavori cade nel periodo "23 febbraio - 15 maggio 2020” il nuovo termine è “Data fine lavori + 60 gg + 82 gg”; se il termine dell'adempimento cade nel periodo "23 febbraio - 15 maggio 2020” i 30 giorni decorrono dal 16 maggio.
  • Sempre sul fronte Conto termico, la presentazione della dichiarazione assegnazione/avvio/conclusione dei lavori per tutte le prenotazioni di P.A. accettate prima del 23 febbraio 2020 sono prorogati i 6 mesi.

> Emergenza Covid-19: aggiornamento termini adempimenti GSE

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.